Briciole di pane

Terminal container porto di Genova – italia

Altri case histories - title

Other case histories


Menù di Navigazione

Terminal container porto di Genova – italia

TERMINAL CONTAINER PORTO DI GENOVA – ITALIA

Alimentazione di container refrigerati


Il Porto di Genova è il più grande porto italiano con una superficie a terra di 700 hm2 comprensivi di due enormi terminal container, 500 hm2 di bacini acquatici e 22 km di banchine.
Di conseguenza è anche il più importante nel Paese per numero di linee marittime e per la movimentazione di container come destinazione finale, sorpassato solo negli ultimi anni dal porto di Trieste in quanto a volumi gestiti, specificatamente per rinfuse liquide.
La sua posizione strategica è una sorta di porta naturale per le regioni italiane nord-occidentali e di conseguenza il distretto economico e commerciale europeo.
La quantità di container è enorme e molti di questi sono refrigerati per lo stoccaggio di merci deperibili, quindi in funzionamento continuo 24/7.
Per questo motivo in uno dei due terminal container, la loro alimentazione è garantita dalla prese interbloccate Scame Serie ADVANCE-GRP con funzionalità AMR (Automated Meter Reading) incorporata.
Da un lato il materiale termoindurente GRP (poliestere rinforzato fibra di fetro) del corpo presa è la soluzione perfetta per un ambiente ostile come quello portuale, dove di salsedine, umidità, sbalzi elevati di temperatura, oli e altri agenti chimici, nonché la movimentazione continua dei container mettono a durissima prova qualsiasi materiale. Dall'altro lato, la funzionalità di AMR, lavorando come un datalogger, è in grado di tracciare e mantenere tutti i parametri quantitativi e qualitativi relativi alla corrente erogata, inviando contemporaneamente allarmi, poi gestibili da remoto, in caso di ogni minima anomalia, così da prevenire qualsiasi malfunzionamento che possa intaccare le merci immagazzinate.