THE WORLD
OF SCAME

Italy

Parre (Bergamo)

Please, select your language

Ricerca prodotto


Navigator

   

LUOGHI CON RISCHIO DI ESPLOSIONE O DI INCENDIO


 

La regolamentazione tecnica e legislativa per tale settore è molto vasta; si rimanda ad essa e all'esame della norma CEI 64-2 molto dettagliata.

Di seguito illustriamo brevemente le principali prescrizioni.

 

Gli impianti elettrici:

  • Non devono essere l'origine di incendio o esplosioni (provocando l'accensione di particolari sostanze a contatto con l'impianto elettrico)
  • Non devono essere mezzo di propagazione dell'incendio
  • Non devono sviluppare sostanze tossiche dannose durante la loro combustione in caso di incendio
  • In casi particolari è richiesta la loro continuità di sevizio anche durante l'incendio
  • Devono essere eseguiti in modo da agevolare l'evacuazione dei locali e in modo da evitare il panico nelle persone in caso di incidente

 

Un'esplosione o un incendio si può innescare per cause dovute all'impianto elettrico solo quando in uno stesso ambiente coesistono le seguenti condizioni:

  • formazione di una miscela infiammabile o esplosiva di gas o di vapori o di polveri con l'atmosfera, oppure accumulo di materiale esplosivo o combustibile
  • produzione di una scintilla, di un arco o di temperature superficiali elevate in qualche componente dell'impianto.

 

Impianti di Sicurezza
(UNI 64-2)

Abbreviazioni relative agli impianti a sicurezza
AD = a sicurezza
AD-A = a sicurezza di tipo approvato
AD-F = a sicurezza funzionale
AD-FE = a sicurezza funzionale contro l'esplosione
AD-FT = a sicurezza funzionale a tenuta
AD-I = a sicurezza intrinseca
AD-PE = a sicurezza a prova di esplosione
AD-S = a sicurezza di tipo speciale
AD-SI = a sicurezza a sovrapressione interna
AD-T = a sicurezza a tenuta

 

Componenti di Sicurezza per gli Impianti
(UNI 64-2)

Abbreviazioni relative a componenti di sicurezza per impianti AD
Ex-d = protezione di sicurezza a prova di esplosione
Ex-e = protezione di sicurezza del tipo a sicurezza aumentata
Ex-i = protezione di sicurezza del tipo a sicurezza intrinseca
Ex-o = protezione di sicurezza per immersione in olio
Ex-p = protezione di sicurezza a sovrapressione interna
Ex-q = protezione di sicurezza per riempimento di sabbia
Ex-XX = grado di protezione degli involucri
T1, T2,
T3, T4,
T5, T6
= classi di raggruppamento delle temperature massime superficiali ammesse per componenti di impianti elettrici a sicurezza secondo le norme CEI CT31 sulla classificazione delle temperature massime superficiali per le costruzioni elettriche per atmosfere esplosive

 

 

CENTRI DI PERICOLO

E' un elemento o una parte di impianto in corrispondenza del quale vi può essere emissione di sostanze pericolose o un cumulo di materiali esplosivi o combustibili.I centri di pericolo si distinguono in:

  • centro di pericolo di
    1° grado
    (emissioni in condizioni ordinarie)
  • centro di pericolo di
    2° grado
    (emissioni in caso guasto)

 

I luoghi pericolosi sono raggruppati in quattro classi in relazione alla natura chimica, alle caratteristiche fisiche e alle quantità delle sostanze presenti:

Classe 0: luoghi con presenza di materie esplosive (pericolo di esplosione)
Classe 1: luoghi con presenza di sostanze pericolose sotto forma di gas o vapori infiammabili nelle condizioni indicate dalla norma (pericolo di esplosione e incendio)
Classe 2: luoghi con presenza di polveri infiammabili o che possono dare luogo a miscele esplosive se in sospensione nell'aria (pericolo di esplosione e incendio)
Classe 3: luoghi con presenza di sostanze pericolose per lavorazione o deposito nelle condizioni indicate dalla norma; sostanze combustibili, sia allo stato fluido che allo stato di fibre o di trucioli quali legno in tavole, cartone, manufatti infiammabili, lana, paglia, olii e grassi lubrificanti, ecc.. (pericolo di incendio)

Attenzione:
Per i luoghi di Classe 3 si considerino le prescrizioni contenute nella Norma CEI 64-8.
[Vedi Capitolo 11.12. delle presenti informazioni tecniche].

 


 

ZONA AD  

I centri di pericolo danno origine a una zona AD.

In ogni ZONA AD vengono individuate delle "divisioni".

La DIVISIONE qualifica ciascuna ziona AD in relazione alla probabilità che i centri di pericolo possano determinare esplosioni o incendi.

Classe 0: divisione 1 o 2
Classe 1: divisione 0, 1 o 2 e divisione di rispetto
Classe 2: non comportano divisioni
Classe 3: non comportano divisioni

 


 

IMPIANTI A SICUREZZA FUNZIONALE A TENUTA (AD-FT)

Locali ove vengono lavorati o immagazzinati materiali combustibili, liquidi, solidi, o in polveri quali: falegnamerie, cartiere, laboratori tessili, luoghi con trattamento di resine, vernici, prodotti agricoli, lana, piumino, segatura ...

Negli impianti a sicurezza funzionale di tenuta (AD-FT), i componenti che nel funzionamento normale possono produrre archi o scintille o superare le massime temperature ammesse devono essere racchiusi in custodie aventi gradi di protezione adeguati:

Per i luoghi di:

  • classe 2
    con polveri conduttrici
    almeno IP55
  • classe 2
    con polveri non conduttrici
    almeno IP44 o IP55
  • classe 2
    con provvedimenti di asportazione polveri
    almeno IP40
  • classe 3
    almeno IP44 o IP55

 

Inoltre gli impianti elettrici dovranno possedere le seguenti caratteristiche:

  • una adeguata resistenza alle condizioni e sollecitazioni dovute all'ambiente
  • le custodie protettive, i tubi, le canalette, i cunicoli di protezione dei cavi devono essere di materiale autoestinguente
  • non è ammesso l'impiego di conduttori nudi
  • i cavi, se non posati in tubi, canalette o cunicoli, dovranno avere requisiti di non propagazione dell'incendio (CEI 20-22)
  • la sezione minima ammessa per i conduttori dei cavi è di 1,5 mm²
  • le  giunzioni e le derivazioni dovranno essere racchiuse in custodie aventi gradi di protezione:
    IP55 - per installazioni in luoghi di classe 2 con presenza di polveri conduttrici;
    IP44 - per installazioni in luoghi di classe 1 (zone AD di rispetto), per installazione in luoghi di classe 2 con presenza di polveri conduttrici e in luoghi di classe 3;
  • è ammessa la posa dei cavi graffettati o fissati non racchiusi in involucri.
    I cavi non armati, per un'altezza fino a 2,50 m sui piani di lavoro, devono essere protetti meccanicamente in modo da poter resistere alle azioni meccaniche cui possono essere sottoposti
  • le macchine devono essere protette individualmente contro i sovraccarichi
  • nei luoghi di classe 2 le prese e spine devono essere di tipo interbloccato e garantire il grado di protezione prescritto sia a spina inserita che a spina disinserita
  • non è ammesso l'impiego di interruttori unipolari

 


 

IMPIANTI TERMICI

Si considerano quei luoghi di installazione di impianti termici non inseriti in un ciclo di produzione industriale, soggetti alle seguenti disposizioni legislative:

  • Legge 26 luglio 1965, n.966 e
    D.M. 16 febbraio 1982;
  • Legge 13 luglio 1966, n.615 e
    D.P.R. 22 dicembre 1970, n.1391;
  • Legge 6 dicembre 1971, n.1083 e
    D.M. 10 maggio 1974.

Impianti termici (locali caldaie, centrali termiche, cucine, forni...), nei locali destinati a contenere i focolari e, per gli impianti di cui in a) anche gli ambienti per il deposito dei combustibili, di potenzialità superiore ai seguenti limiti:

Alimentazione Potenzialità superiore a Capacità massima depositi Capacità massima ciascun serbatoio
a) gasolio
 olio combustibile
30.000 Kcal 90 m³ 15 m³

b) gas

30.000 Kcal - -

Esecuzione degli impianti elettrici: (vedasi impianti a sicurezza a tenuta AD-FT norma CEI 64-2)

  • Gli impianti elettrici devono essere adatti a luoghi di classe 3 come previsto dalle norme CEI 64-2
  • Negli impianti termici (impianti AD-FT) tutti i componenti possono essere racchiusi in custodie aventi gradi di protezione non inferiore a IP40, purché installati nelle seguenti condizioni:
  1. almeno a 0,5 m sopra il pavimento negli impianti alimentati con gasolio o olio combustibile e negli impianti alimentati con gas avente peso specifico relativo all'aria superiore a 1,1;
  2. almeno 0,5 m sotto il soffitto negli impianti alimentati con gas avente peso specifico relativo all'aria inferiore a 0,9;
  3. negli impianti alimentati con gas avente peso specifico relativo all'aria compreso tra 0,9 e 1,1 (estremi inclusi), devono essere rispettate le prescrizioni di cui in I) e in II).

 


 

LUOGHI PER RICOVERO O RIPARAZIONI DI AUTOVEICOLI

Sono i seguenti:

  • autorimesse pubbliche
  • autorimesse private con capienza superiore a 9 autoveicoli
  • autofficine con capienza superiore a 9 autoveicoli
  • sono considerate zone AD le aree destinate alla movimentazione e allo stazionamento degli autoveicoli, fino a 1,5 m in pianta oltre il limite di accessibilità degli autoveicoli
  • viene considerata zona AD classe 3 lo spazio sovrastante l'area suddetta fino a 3,5 m di altezza.

Esecuzione degli impianti elettrici (CEI 64-2)

Per gli impianti a sicurezza funzionale a tenuta AD-FT si deve prevedere:

  • gli interruttori le prese e le spine devono essere installati ad altezza non inferiore a 1,5 m sul pavimento
  • le prese devono essere per numero e per ubicazioni tali da evitare il ricorso a cordoni prolungatori
  • non sono ammesse prese mobili
  • le lampade portatili devono essere del tipo adatto alla Classe del luogo ed alla Divisione in cui vengono utilizzate
  • il gruppo di misura e l'interruttore generale devono essere collocati all'esterno della zona AD, in posizione facilmente e rapidamente accessibile da un ingresso.

 

 


 

Rev.15.0126      

 

Share
 
 
  Installatore
15 settembre 2017
31 dicembre 2017


3,27 Mb

Keep Calm and go shopping

Ricevi in omaggio un buono acquisto Amazon dal valore di € 20,00



 
 
 
Ricerca
Testo:
Codice:
Descrizione:
 
 
Utility
Scopri come trovare tra migliaia di configurazioni il quadro giusto per te.
Individua i prodotti compatibili con gli involucri preforati Scame.
 
 
Advertising
 

 
 
 
 

Cerca - Language [] - Site Map - Contact - Privacy - Legal Notice
©2005-2017 - SCAME PARRE S.p.A. - P.IVA IT 00137900163 - Active users: 512