THE WORLD
OF SCAME

Italy

Parre (Bergamo)

Please, select your language

Ricerca prodotto


Ti trovi in: HOME > InfoPOINT > EcoMobility | faq.asp
Navigator

   

 

FAQ
Frequently Asked Questions

Domande e risposte
che riceviamo con maggior frequenza

 

 

 

SCAME EcoMOBILITY:
SISTEMI DI RICARICA PER VEICOLI ELETTRICI


1

Quanto tempo occorre per caricare la batteria dell’ auto elettrica?

Dipende dalla capacità della batteria. Considerando una batteria di 20kWh, grazie alle colonnine SCAME è possibile “fare il pieno“ alla vettura in circa 1 ora prelevando dalla colonnina 32 A in sistema trifase. La ricarica domestica con corrente monofase di 16 A richiede 4-6 ore di tempo di ricarica.

EcoMobility - 7/12/2011


2

Quanto costa mantenere un’auto elettrica ?

Considerando il costo dell’energia elettrica per la ricarica a 0.20 €/kWh e il costo del gasolio a 1.5€/l per un’auto che percorre 15.000 km/anno i costi sono :

  • Auto a gasolio= 1350 €/anno
  • Auto elettrica di pari dimensioni= 375 €/anno

EcoMobility - 7/12/2011


3

Qual è l’autonomia media di un’auto elettrica ?

Un’auto elettrica di medie dimensioni ha un’autonomia di 150-160 km, considerando poi che il 70% delle auto in circolazione in Europa percorre mediamente meno di 60Km al giorno (dati CIVES), quindi l’auto elettrica è pienamente rispondente a questa esigenza.

EcoMobility - 7/12/2011


4

Cosa stabilisce la normativa in materia di mobilità elettrica?

Il Mandato 468 della Commissione Europea definisce i tempi entro cui adottare standard unificati a livello europeo. SCAME partecipa ai comitati tecnici italiani ed internazionali per la definizione delle norme relative alla mobilità elettrica. Questo ci permette di seguire le evoluzioni legislative in corso progettando e realizzando prodotti conformi alle normative.

EcoMobility - 7/12/2011


5

Cosa si intende per “comunicazione intelligente”?

È La comunicazione tra auto e stazione di ricarica che garantisce la ricarica in sicurezza e gestisce eventuali assorbimenti di energia.

EcoMobility - 7/12/2011


6

Come è possibile integrare la mobilità elettrica nel sistema smart grid ?

Affinché la mobilità elettrica possa integrarsi con la smart grid è necessario un sistema di connessione dedicato che, oltre a fungere da mezzo di trasporto dell’energia, consenta la comunicazione tra il veicolo e la stazione di ricarica. L’integrazione completa con la smart grid comporterà poi la possibilità per la rete di prelevare energia dalle batterie (comunicazione vehicle to grid) e quindi il sistema di connessione dovrà essere predisposto anche per un trasferimento di energia bidirezionale.

EcoMobility - 7/12/2011


7

Cos’è e come posso utilizzare la colonnina SCAME?

SCAME propone la soluzione completa per la ricarica dei veicoli elettrici. I sistemi di ricarica ideati e realizzati da Scame permettono di caricare le batterie delle vetture elettriche come auto, ma anche cicli e motocicli sia nelle abitazioni private (singole e condominiali) sia nei parcheggi di aree pubbliche e private come centri commerciali o parchi auto aziendali.

EcoMobility - 7/12/2011


8

Come funziona la ricarica dalla colonnina SCAME?

La colonnina di ricarica SCAME eroga energia all’utenza tramite connettori dedicati e conformi alle normative di cui sopra. Una delle ulteriori soluzioni di ricarica proposte da Scame è dotata di un sistema di riconoscimento RFID - Mi Fare con software di monitoraggio e gestione per l’abilitazione degli utenti. Si può procedere alla ricarica mediante l’identificazione tramite l’utilizzo di un’apposita smart card.

EcoMobility - 7/12/2011


9

E’ possibile ricaricare da una stazione di ricarica per veicoli elettrici uno scooter o un veicolo leggero dotato di semplice spina domestica (es. schuko)?

Non è possibile ricaricare un motorino (o veicolo leggero) dotato di semplice spina domestica da una infrastruttura di ricarica , ma è molto semplice modificare il veicolo per renderlo ricaricabile da tale infrastruttura. Le operazioni da eseguire sono:

  • Sostituire il cavo di alimentazione e la spina (con un connettore tipo 3 A e cavo dotato di conduttore pilota)
  • Inserire la resistenza di controllo tra telaio del motorino e conduttore pilota (Modo 3 semplificato)
Le operazioni possono essere realizzate dalla casa costruttrice del veicolo o da un elettrauto e possono costare poche decine di euro.

EcoMobility - 7/12/2011


10

Perché non è possibile caricare la batteria di un veicolo elettrico dalle convenzionali prese domestiche?

Perché gli standard internazionali richiedono una comunicazione intelligente tra vettura e rete. La colonnina SCAME è conforme agli standard IEC 61851-1 e IEC 62196-2.
In luoghi privati come il garage di casa è ammesso il Modo 1 di ricarica: il veicolo elettrico è connesso alla rete di alimentazione in corrente alternata con connettori domestici fino a 16 A.
Per i luoghi pubblici la norma prevede invece il Modo 3 di ricarica che necessita l’utilizzo di una presa specifica in circuito dedicato, a garanzia della massima sicurezza per gli utenti durante la ricarica dei veicoli.

EcoMobility - 7/12/2011


11

Perché ci sono due modalità di ricarica del veicolo, ossia 230V Ac - 16A, oppure, 400V Ac - 32A?

La presa da 16 A (Spina Scame 3A) permette la ricarica di piccoli veicoli alimentati in monofase, mentre la versione da 32 A (Spina Scame 3C) consente la ricarica di veicoli che necessitano di un maggiore assorbimento nella fase di ricarica e di un’alimentazione trifase + neutro o monofase.

EcoMobility - 7/12/2011


12

Quali modalità di ricarica sono possibili con SCAME?

In conformità agli standard nazionali, europei e internazionali, SCAME permette la ricarica in Modo 3, grazie alla quale è possibile una comunicazione intelligente tra veicoli e colonnine.

EcoMobility - 7/12/2011


13

Quanti modelli di colonnina SCAME esistono?

I modelli attualmente in produzione sono:

  • Colonnina Design in acciaio inox AISI304 satinato soluzione ideale per parcheggi aziendali, privati o in luoghi pubblici custoditi, perché resistente anche in condizioni ambientali estreme. Caratterizzata dal design semplice ed elegante – pratico e di intuitivo utilizzo.
  • Colonnina Standard in acciaio verniciato ideale per la ricarica nei luoghi pubblici, all’aperto, come stazioni, aeroporti, parcheggi pubblici custoditi e non custoditi.
  • Wall Box a parete, ideale per la ricarica domestica in aree come i parcheggi privati o garage aziendali dove le unità a parete, pratiche e funzionali, consentono agli automobilisti di effettuare comodamente la ricarica.
  • EcoMobility - 7/12/2011


14

Quali auto elettriche posso alimentare con una colonnina SCAME?

Si possono ricaricare tutte le vetture dotate di spine conformi agli standard internazionali previsti dalla normativa europea IEC 61851-1 e 62196-2.

EcoMobility - 7/12/2011


15

Quanti veicoli si possono ricaricare contemporaneamente da una colonnina SCAME?

Si possono ricaricare contemporaneamente fino a due veicoli, ma SCAME può realizzare soluzioni personalizzate che permettono la ricarica di un numero maggiore di veicoli.

EcoMobility - 7/12/2011


16

Quali sono le caratteristiche tecniche della colonnina di ricarica SCAME?

La colonnina SCAME è costruita in acciaio inox AISI304 satinato o in acciaio trattato e rifinito con verniciatura antigraffio, ha un grado di protezione agli agenti atmosferici IP44 conforme alla normativa nazionale, europea ed internazionale. Scheda delle caratteristiche tecniche:

Corrente nominale16/32A 32/63A
Tensione nominale200-250VAC (monofase) 380-480VAC (trifase+neutro)
Frequenza50-60Hz
Tensione d’isolamento500V
Grado di protezioneIP44 IPXXD
Temperatura d’impiego-30°C +50°C
Temperatura minima-35°C
Temperatura massima+60°C
Glow Wire test650°C
MaterialiAcciaio AISI304, tecnopolimero, lamiera di acciaio
Grado IK a 20°CIK07 (wall box) IK08 (colonnine)
Isolamento completosi
Montaggioparete, su palo (wall box) o a basamento
Soluzione salinaResistente
Raggi UVResistente

EcoMobility - 7/12/2011


17

E’ possibile caricare anche le batterie di scooter elettrici e biciclette elettriche alla colonnina di ricarica SCAME?

Se i veicoli indicati dispongono della spina per la ricarica conforme alle norme IEC 62196-1 e 2 sì, altrimenti se si dispone di una semplice spina di casa, i veicoli possono essere ricaricati solo in ambiente domestico in Modo 1, secondo la norma IEC 61851-1.

EcoMobility - 7/12/2011


18

E’ possibile ricaricare il veicolo elettrico dal contatore di casa?

Teoricamente è possibile ricaricare il veicolo elettrico dal contatore di casa, ma durante la ricarica tutta la potenza disponibile è prelevata dal veicolo e quindi non è possibile alimentare gli apparecchi elettrici domestici quali: lavatrice, lavastoviglie, forno elettrico etc. Con la delibera del 19 aprile 2010 – ( N. ARG/elt 56/10 AEEG l’Autorità per l’Energia e il Gas,) ha reso possibile all’utente privato richiedere la installazione di un contatore specifico per la ricarica dei veicoli elettrici.
E’ possibile richiedere potenze di: 3, 6,10,30, 50 KW e il costo della energia è in funzione del consumo realizzato. Più si consuma meno si paga al kWh. p.e. il consumo annuo medio di un veicolo elettrico può essere mediamente di 2400 kWh, 15.000 km/anno , il costo annuale è di circa 620 €.

EcoMobility - 7/12/2011


19

E’ possibile misurare il consumo elettrico?

Il software inserito nella colonnina di ricarica SCAME, permette di avere tutte le statistiche di utilizzo per ciascun utente, come: energia prelevata, tempo di ricarica, numero di ricariche effettuate… etc.

EcoMobility - 7/12/2011


20

Come viene garantita la sicurezza durante la ricarica?

La sicurezza in fase di ricarica è garantita da un dispositivo elettronico che si interfaccia con il veicolo. Sono inoltre presenti organi di comando e protezione da sovracorrenti e da contatti diretti e indiretti.

EcoMobility - 7/12/2011


21

Per installare un sistema di ricarica, quali sono le predisposizioni tecniche e/o infrastrutture che devo prevedere nel mio progetto?

Per installare un sistema di ricarica corretto si deve prevedere l’alimentazione tramite cavi di sezione adeguata e si devono inoltre predisporre le opere murarie per l’installazione delle stesse. E’ possibile richiedere al gestore dell’energia un contatore specifico per la ricarica dei veicoli elettrici con potenza installata adeguata alle necessità dell’utente.

EcoMobility - 7/12/2011


22

Ci sono differenze nelle predisposizioni da prevedere nel residenziale rispetto all’ambito commerciale?

Non ci sono differenze, a parte le opere civili ed elettriche necessarie al collegamento delle colonnine.
In ambito domestico anche il normale contatore di casa può essere utilizzato per la ricarica dei veicoli.
In ambito pubblico si dovrà predisporre l’installazione di un contatore specifico per l’alimentazione delle colonnine.

EcoMobility - 7/12/2011


23

Come posso avere documentazione tecnica per la progettazione?

Sul sito www.scame.com, scaricando il catalogo al link http://www.scame.com/doc/ZP00833-I-1.pdf

EcoMobility - 7/12/2011


24

E’ possibile alimentare la colonnina con un impianto fotovoltaico?

Si è possibile, ma l’impianto fotovoltaico dovrà essere comunque predisposto per “lo scambio sul posto” dell’energia prodotta, mediante l’accumulo di energia in apposite batterie. Non è possibile infatti alimentare direttamente la colonnina con l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico, in quanto non si potrebbe garantire la continuità del servizio di ricarica.

EcoMobility - 7/12/2011


25

La ricarica veloce è sempre possibile?

Con le colonnine alimentate in corrente alternata trifase fino a 32 A è possibile realizzare una ricarica semi-veloce, vale a dire tempi di ricarica medi di 1-3 ore. Le ricariche considerate veloci, vale a dire ricariche in 5 minuti fino all’80% della capacità delle batterie, saranno possibili solo con speciali stazioni di ricarica dotate di alimentazione in corrente continua e che richiedono alte potenze installate. Tali stazioni saranno ubicate solo nelle stazioni di servizio o in stazioni di ricarica speciali.

EcoMobility - 7/12/2011


 

 

 

 

 

 

 

 

Rev.15.0126      

 

Share
 
 
 
Ricerca
Testo:
Codice:
Descrizione:
 
 
Utility
Scopri come trovare tra migliaia di configurazioni il quadro giusto per te.
Individua i prodotti compatibili con gli involucri preforati Scame.
 
 
Advertising
 

 
 
 
 

Cerca - Language [] - Site Map - Contact - Privacy - Legal Notice
©2005-2019 - SCAME PARRE S.p.A. - P.IVA IT 00137900163 - Active users: 128